MAMA
_D808301-HDR-Modifica_D808290-HDR-Modifica_D808284-Modificaxxxxxxxxxxxxxxx2_D808273-Modifica_D808268-Modificaxxxxxxxxxxxxxx1_D808266-HDR-Modifica_D808263-HDR-Modifica
_D808261_D808250-Modifica_D808238-Modifica_D808258-HDR-Modifica_D808237-Modifica_D808228-HDR-Modifica
Nel quartiere storico della Cirenaica, in contesto popolare realizzato negli anni '30 del ventesimo secolo su piano regolatore del 1889, al piano rialzato, lo studio si è occupato della ristrutturazione di un piccolo immobile bilocale.
L'edificio risale al 1935 con sopraelevazione effettuata nel 1938 e secondo la concezione dell'epoca composto da una zona giorno piccola che si affaccia sul retro dell'edificio mentre sul fronte si affaccia la camera da letto di più ampie dimensioni.
Tutte le murature interne sono collaboranti e pertanto a meno di realizzare un intervento strutturale importante e fuori luogo per un immobile di soli 45mq si è deciso di spostare la porta di entrata sul lato corto del pianerottolo e di invertire la disposizione della zona giorno facendola affacciare su fronte principale dell'edificio in corrispondenza delle aree di accesso carrabili e pedonali. In questo modo la stanza più grande ospita la zona giorno mentre quella minore si affaccia sul retro e sul giardino condominiale più consoni alla zona di riposo. 
La camera da letto si costituisce di un antibagno nel quale è aloggiato il lavandino mentre il locale bagno, che resta nella posizione originaria, diventa più spazioso e confortevole.
In entrambi i locali gli arredi sono posti solo su due delle quattro pareti e parzialemnte appesi ad esse o sospesi a soffitto in modo tale da consentire il massimo della libertà di fruizione senza rinunciare alla dotazione di ampie zone contenitive.
Sopra la porta di entrata un cartongesso di forma complessa raccorda la zona dei pensili della cucina alla zona di entrata e consente di nascondere i contatori delle utenze al suo interno.
Nella camera da letto l'incastro tra camera e antibagno è sottolineato dalla disposizione degli arredi. Il setto scorrevole che separa la sala dalla camera è appeso ad un mobile sospeso che diventa mobile bagno passando sopra il lavandino per poi scendere a terra nella zona di collegamento tra antibagno e bagno e fare da battuta di chiusura del setto scorrevole che separa la zona del bagno da quella dell'antibagno.
Lo spazio risulta fluido ed aperto e separato da setti scorrevoli all'interno dell'arredo che alleggeriscono il vincolo e la rigidità della struttura muraria.
Tutto l'arredo è in rovere trattato con vernici sbiancanti alternato a laccature bianche.

Superficie totale = 45 mq

 
Arredo progettato interamente dallo studio MAMA e realizzato dalla ditta Contiarredamenti di Ozzano dell'Emilia, BO.
 
MAMA
Come creare un sito web con Flazio